Sustainable Management of Events in a Experiential Perspective

di Gian Luca Gregori, Tonino Pencarelli, Valerio Temperini, Simone Splendiani and Fabio Forlani

in The Experience Logic as a New Perspective for Marketing Management (Pencarelli T., Forlani F., Eds) Springer, 2018

41GlBSjXmJL._SX351_BO1,204,203,200_

+++Acquista il libro online+++

ABSTRACT

Annunci

The experiential offering system of museums: evidence from Italy

di Tonino Pencarelli, Emanuela Conti, Simone Splendiani

in Journal of Cultural Heritage Management and Sustainable Development

ABSTRACT

Il ruolo del Brand nel rapporto dialettico tra Destinazioni e prodotti turistici

by Tonino Pencarelli and Simone Splendiani

in Comunicazione e branding delle destinazioni turistiche. Una prospettiva manageriale, Tonino Pencarelli and Gian Luca Gregori (Eds), Franco Angeli, 2009.

OBIETTIVI DEL CAPITOLO

Obiettivo del capitolo è in primo luogo puntualizzare le differenze concettuali tra destinazione e prodotto turistico. Tra questi concetti sussiste un rapporto intimamente dialettico, dato che il prodotto turistico, per il carattere fortemente esperienziale che possiede, è assai condizionato dal luogo in cui viene prodotto ed erogato (destinazione). Se dal punto di vista della domanda i concetti tendono a sovrapporsi, da quello dell’offerta non può sfuggire la netta distinzione tra i due: il prodotto è il risultato di attività svolte dal sistema di offerta che agisce nella destinazione.
Nel terzo paragrafo si discutono alcuni approcci al governo locale del turismo, sia evidenziati dalla letteratura che emersi nella prassi. In particolare si sofferma l’attenzione su nuove tendenze, frutto di una interpretazione originale e innovativa, che pongono interrogativi sulla validità dell’approccio tradizionale al Destination Management. Si sono cioè perseguite strategie – e creati modelli organizzativi – che non si focalizzano sull’area territoriale di riferimento, ma sulla capacità di allestire offerte specifiche indirizzate verso determinati “segmenti tematici” di mercato, tanto da poter parlare più opportunamente di
Product Management anziché di Destination Management.
Successivamente vengono introdotti i concetti di Destination Brand e di
Destination Branding. Diversi brand e varie attività di branding possono coesistere all’interno della stessa destinazione. Ciò rappresenta un fattore critico da gestire, soprattutto in presenza di contesti caratterizzati da scarsa integrazione e dalla mancanza di un soggetto-guida con funzioni di marketing e comunicazione.
Nel paragrafo conclusivo vengono sintetizzati gli argomenti trattati nel capitolo e vengono formulate alcune proposte ed indicazioni utili ai policy-maker in merito alla gestione delle criticità relative all’attività di branding riferite alle destinazioni ed ai prodotti turistici.

The Role of Brands in Dialectical Relationships Between Destination and Tourist Products

by Tonino Pencarelli and Simone Splendiani

in Marketing Innovations for Sustainable Destinations, A.Fyall, M.Kozac, L.Andreu, J.Gnoth, S.Sibila Lebe (Eds), Goodfellow Publishers, 2009.

3rd Advances in Tourism Marketing Conference (ATMC) Bournemouth (UK), September 6-9, 2009.

ABSTRACT

The objective of this paper is primarily to point out the conceptual differences between tourist destination and tourist products. An important concept is the presence of a dialectical and very strong relationship due to the fact that tourist products, possessing highly experiential content, are extremely affected by the location in which
they are provided (destination). If the concepts tend to overlap on the demand side, on the supply-side the clear distinction between the two can not be missed: products are the result of activities carried out by the supply system located in the destination. The third section discusses some approaches to managing destination, both those highlighted in the literature and those emerging in practice. In particular, resulting from
innovative and original interpretation, we analyse some new trends which raise questions about validity of the traditional approach to Destination Management. These strategies – and linked organizational solutions – do not focus on geographical area, but on the ability to propose specific offers towards target-segments, so that we can more appropriately talk about Product Management instead of Destination Management.
The paper then discusses destination brands and destination branding. More than one brand and different branding activities may coexist in the same destination. It is critical to manage this factor, especially in the context of fragmentation and lack of a strategic leader.
The concluding paragraph makes some proposals useful to policy-makers
regarding the management of critical issues related to branding of destinations and tourist products.