Sustainable Management of Events in a Experiential Perspective

di Gian Luca Gregori, Tonino Pencarelli, Valerio Temperini, Simone Splendiani and Fabio Forlani

in The Experience Logic as a New Perspective for Marketing Management (Pencarelli T., Forlani F., Eds) Springer, 2018

41GlBSjXmJL._SX351_BO1,204,203,200_

+++Acquista il libro online+++

ABSTRACT

Annunci

Enhancing the Tourism Image of Italian Regions Through Urban Events: The Case of Steve McCurry’s Sensational Umbria Exhibition

by Luca Ferrucci, Silvia Sarti, Simone Splendiani and Maria Cordente Rodriguez

in Tourism in the City. Towards an Integrative Agenda on Urban Tourism, Nicola Bellini, Cecilia Pasquinelli (Eds) Springer International Publishing, 2017

ABSTRACT

The study analyses the case of the Sensational Umbria photography exhibition by Steve McCurry, held in Perugia in 2014. The event proved to be of particular interest, not only for its success in terms of visitors number and impact on the media, but in particular for the innovative use of a photo exhibition for the purpose of promoting tourism in the region. The paper, after a theoretical introduction on the relationship between tourism events and destination image, offers an analysis of the event from different perspectives: economic impact, visitor satisfaction, and effect on the media. The methodology has been twofold, involving both desk analysis and a survey conducted by administering a questionnaire to 455 visitors. The results that emerge illustrate a situation that, while generally positive, leaves margins for improvement, especially in terms of greater involvement by local stakeholders.

Le certificazioni ambientali e di qualità delle destinazioni turistiche: il panorama italiano

di Simone Splendiani

in Comunicare le destinazioni balneari: il ruolo della Bandiera Blu in Italia, Tonino Pencarelli (a cura di), Franco Angeli, 2015.

419boHyQOXL

+++Acquista il libro online+++

Il capitolo offre una rassegna dei principali marchi ambientali e di qualità, secondo un’accezione ampia che comprende tutte le forme di certificazione destinate agli enti locali, anche di diversa natura, ma unite dalla valenza comunicativa e dai valori ambientali e di sostenibilità che mirano a rappresentare:

  • la certificazione ISO 14001 (§ 2.2);
  • il regolamento EMAS (§ 2.3):
  • la Bandiera Blu (2.4);
  • la Bandiera Arancione del Touring Club Italia (§ 2.5);
  • I Borghi più Belli d’Italia (§ 2.6);
  • i siti Patrimonio Mondiale dell’Umanità (§ 2.7);
  • i Borghi Autentici d’Italia (§ 2.8);
  • le Vele di Legambiente (§ 2.9);
  • le Città Slow di Slow Food (§ 2.10);
  • la Bandiera Verde Agricoltura (§ 2.11);
  • il premio Città per il Verde (§ 2.12).

L’intento del capitolo è quello di offrire un quadro generale ed orientativo utile a studiosi e policy maker, senza tuttavia la pretesa di esaustività. Inoltre, il capitolo intende collocare il ruolo di Bandiera Blu nell’ampio contesto delle certificazioni ambientali al fine di metterne in luce l’abbondanza. Ciò se da un lato offre alle destinazioni un ampio spettro di strumenti per migliorare la sostenibilità dell’offerta, dall’altro rischia di disorientare turisti, policy maker e operatori nella comprensione del valore sotteso a ciascuna certificazione.

Riflessioni conclusive, sfide manageriali e percorsi di ricerca per la comunicazione sostenibile delle destinazioni balneari

by Tonino Pencarelli and Simone Splendiani

in Comunicare le destinazioni balneari: il ruolo della Bandiera Blu in Italia, Tonino Pencarelli (Edc), Franco Angeli, 2015.

Il ruolo delle imprese ricettive nei processi di sviluppo sostenibile dei territori a vocazione turistica: evidenze empiriche dalla Regione Marche

By Tonino Pencarelli, Mara Cerquetti, Simone Splendiani and Mauro Dini

in Management per la sostenibilità dello sviluppo turistico, Mariangela Franch, Umberto Martini, (Eds), Il Mulino, 2013.

Il capitolo rappresenta una versione aggiornata e ampliata dell’articolo “Imprese turistiche e sostenibilità: evidenze empiriche dalla Provincia di Pesaro Urbino” di T.Pencarelli e S.Splendiani, presentato al XXXIV Convegno AIDEA, Perugia (Italy), October 13-14, 2011.

ABSTRACT

Il ruolo delle imprese turistiche all’interno dei processi di sviluppo sostenibile delle destinazioni è un tema di crescente interesse tra gli studiosi di Destination Management (Marin e Jafari 2002; Roberts e Tribe 2008; Ambrosie 2010). L’adesione ai principi della sostenibilità da parte dei soggetti imprenditoriali rappresenta un elemento imprescindibile per i territori che vogliano qualificarsi come “sostenibili”. Emergono, in tal senso, due questioni su cui focalizzare l’attenzione dei policy maker. La prima attiene alla valutazione del grado di orientamento alla sostenibilità delle imprese turistiche – sustainability orientation; la seconda riguarda la capacità di stimolare attraverso azioni di meta-management tale orientamento qualora risultasse al di sotto di livelli ritenuti accettabili.

L’obiettivo del lavoro è duplice: da un lato proporre un modello teorico di valutazione del grado di attenzione e di rispetto dei principi della sostenibilità da parte imprese turistiche – supportato da una indagine empirica su un campione di 204 imprese del comparto accomodation localizzate nella regione Marche; dall’altro formulare alcune possibili linee di intervento per i policy maker responsabili dello sviluppo turistico delle destinazioni. Nonostante i limiti della ricerca, segnatamente al fatto che la maggior parte dei questionari sono stati compilati autonomamente on-line, ed è quindi probabile che i rispondenti siano maggiormente sensibili al tema della sostenibilità, lo studio offre importanti evidenze circa il rapporto tra imprese turistiche e crescita sostenibile del territorio, rapporto ricco di implicazioni culturali ed etiche che impongono, per le imprese, una efficace traduzione in termini manageriali, ovvero in politiche capaci di cogliere le sfide legate ad un nuovo modello di sviluppo oltre che alle nuove tendenze della domanda turistica globale.

Turismo sostenibile e creazione di valore per il territorio: verso un modello olistico di misurazione dell’impatto degli eventi

by Gian Luca Gregori, Tonino Pencarelli, Simone Splendiani and Valerio Temperini

in Management per la sostenibilità dello sviluppo turistico, Mariangela Franch, Umberto Martini, (Eds), Il Mulino, 2013.

ABSTRACT

Il contributo ha l’obiettivo di inquadrare concettualmente il ruolo degli eventi nei processi di sviluppo turistico sostenibile dei territori a vocazione turistica, anche al fine di proporre un modello di analisi e di valutazione del loro impatto. Partendo dall’idea che le destinazioni rappresentano palcoscenici ove allestire prodotti turistici per soddisfare la domanda di viaggiatori alla ricerca di esperienze  coinvolgenti, ove essere protagonisti e partecipare con gli attori territoriali alla co-creazione del valore, si sottolinea l’importanza della gestione manageriale degli eventi da parte del Destination Management. Gestione manageriale che ricorre agli strumenti della pianificazione, dell’organizzazione e del controllo per progettare,  programmare ed attuare un equilibrato portafoglio di eventi, monitorandone l’impatto sulla creazione di valore per i turisti e per gli stakeholder territoriali nella prospettiva della sostenibilità. Il lavoro propone un set di indicatori utili per la valutazione olistica delle performance degli eventi nell’ambito della triplice dimensione economica, sociale ed ambientale.

Commercio e turismo: opportunità e sfide per le Marche

by Tonino Pencarelli and Simone Splendiani

in Economia, Management e disciplina del commercio in Italia e nelle Marche, G.L.Gregori, T.Pencarelli, (Eds), Franco Angeli, 2012.

OBIETTIVI DEL CAPITOLO

Il capitolo esamina le relazioni e le interdipendenze sinergiche che esistono tra il settore del commercio e quello del turismo. A partire da una definizione ampia ed estesa del settore turistico, che annovera tutte le imprese ed i soggetti che contribuiscono alla soddisfazione delle esigenze dei viaggiatori e dei turisti, di seguito si illustrano i principali fattori del commercio che giocano un ruolo di attrazione dei flussi turistici valorizzando  la qualità dell’offerta turistica territoriale.

Si descrivono altresì i riflessi che il turismo produce sul commercio, orientando l’assetto strutturale e la tipologia di offerta all’interno della destinazione, oltre che le politiche e gli strumenti per la valorizzazione integrata del turismo e del commercio ad opera dei vari soggetti territoriali, in modo particolare dell’ente regionale.